Cromopuntura – Trattamento e benefici

Cromopuntura – Trattamento e benefici

La Cromopuntura è una tecnica di guarigione all’avanguardia, grazie alla quale vengono inviate al corpo, attraverso gli agopunti sulla pelle e in maniera non invasiva e totalmente indolore, le vibrazioni della luce. Si tratta di un potente sistema olistico che offre un modo assolutamente nuovo per arrivare alla radice di molti problemi di salute. Questa tecnica nasce da una brillante scoperta del naturopata e ricercatore tedesco Peter Mandel e si propone, attraverso la luce e i suoi colori componenti, di reintrodurre la corretta energia informativa nell’unità corpo-mente-spirito, laddove questa risulti distorta. Si tratta di un metodo in continua evoluzione, frutto di ormai quasi 40 anni di ricerca, che prende spunto dalla più antica saggezza dell’umanità e si coniuga con le più moderne scoperte della biofisica. Un trattamento di Cromopuntura non è in alcun modo invasivo e non è da confondersi con l’Agopuntura, poiché non si utilizzano aghi. Si ricorre, invece, a uno strumento appositamente progettato e brevettato da Mandel: una penna con delle punte piramidali di cristallo di quarzo intercambiabili, che emettono diversi colori. La penna si posiziona sulla pelle, sui punti dell’agopuntura e su altre aree individuate da Mandel stesso. La luce e il colore vengono assorbiti dalla pelle e trasmessi lungo i meridiani dell’agopuntura, fino in profondità, stimolando la comunicazione intracellulare e supportando di conseguenza la guarigione. LA CROMOPUNTURA E’ EFFICACE PER: Guarigione fisica ed emotiva Dolore acuto, cronico e di origine sconosciuta Allergie Disturbi del metabolismo Stress e Ansia Insonnia e Attacchi di Panico Disturbi digestivi Emicrania Disturbi ormonali Stanchezza Cronica Dolori e irregolarità del ciclo mestruale Dipendenze Disturbi del sistema immunitario Disintossicazione Infortuni Sportivi Difficoltà...
Metodo 3emme – rivoluzione in tavola

Metodo 3emme – rivoluzione in tavola

Il Metodo 3EMME ideato dal Dottor Mauro Mario Mariani è un Metodo per riappropriarci delle nostre scelte e del nostro stato di salute, in altre parole il Metodo 3EMME è l’opportunità esclusiva per tornare in maniera definita e definitiva alla Dieta Mediterranea. Nessuno riesce improvvisamente a cambiare abitudini. Se prova a farlo riesce solo per brevi periodi ricadendo poi nei soliti vizi capitali. L’idea di proporre un Metodo mira a insegnare quello che giusto e quello che è sbagliato: significa dare Consapevolezza. Si parte da una disintossicazione degli organi (RESET) di sette giorni per poi svezzare (RESTART) pian piano l’organismo in quattordici giorni, ed arrivare ad insegnare le giuste combinazioni (REMIX). Tutto questo porta al riappropriarsi della Dieta Mediterranea a uno stile di vita salutare, con un sistema definito REGULAR che insegna anche cosa fare nel caso in cui si vada a fare uno sgarro. 3emme RESET: La prima fase dalla durata di sette giorni, consiste in un vero e proprio reset per sbloccare l’organismo da una tossicità diffusa. Tale reset, consistente in una dieta basata su frutta e verdura e liquidi, è reso possibile in quanto l’organismo viene supportato con integratori naturali che garantiscono il giusto apporto di minerali, vitamine, ed aminoacidi essenziali (dalla klamath e dal baobab). 3emme RESTART: Nella seconda fase, restart, dalla durata è di quattordici giorni, si inizia un vero e proprio Svezzamento, dove tutti i cibi andranno ad essere reinseriti con logica di Cronologia e di Scelta. Fanno ingresso gradualmente i carboidrati complessi, privi di glutine, le Proteine sia animali: carni bianche e pesci magri e di piccola stazza, che vegetali: legumi con cereali,...
Massaggio decontratturante: a cosa serve e quali sono i benefici

Massaggio decontratturante: a cosa serve e quali sono i benefici

Il massaggio decontratturante mira, così come suggerisce il nome, a combattere le contratture muscolari. Cosa si intende con questa definizione? I muscoli sono costituiti da diverse serie di fasci di fibre, che non sono coinvolte tutte contemporaneamente durante il movimento. Tuttavia può capitare che in determinate condizioni, ad esempio con un lavoro forzato sul muscolo o in caso di problemi ossei, vi sia una sollecitazione anomala delle fibre tale da far apparire il muscolo contratto. Quando la tensione è eccessiva e continua a manifestarsi anche a riposo, in modo simile al crampo, si parlerà di contrattura muscolare. Coloro che soffrono maggiormente di questo disturbo sono normalmente gli atleti e i grandi sportivi. I muscoli contratti risultano più deboli, affaticati e sono facilmente soggetti a spasmi: per questo la guarigione può richiedere periodi di riposo forzato più o meno lunghi. In genere, il trauma si affronta con appositi esercizi che vengono seguiti da un fisioterapista, per aiutare le articolazioni a muoversi senza troppo dolore, mantenendole mobili e favorendo una buona circolazione. Come funziona il massaggio decontratturante Anche il massaggio decontratturante può essere molto utile ad alleviare il dolore legato alle contratture muscolari. Il trattamento nasce principalmente a scopo terapeutico, tuttavia non sono pochi i casi in cui viene scelto come prevenzione, per alleviare stress e tensioni o semplicemente per piacere personale. Generalmente il massaggio è mirato alla contrattura specifica, quindi è localizzato in una ben determinata parte del corpo, come le gambe, la schiena o i lombari. L’obiettivo dell’intervento è quello di cercare di riportare il tono dei muscoli a un livello normale, trattando la contrattura con manovre specifiche come...
La scienza convalida l’esistenza dei meridiani

La scienza convalida l’esistenza dei meridiani

Il numero di medici agopuntori e di operatori olistici che lavorano con diverse tecniche sui meridiani della Medicina Tradizionale Cinese è in crescita in tutto il mondo. Questo fenomeno va di pari passo con la richiesta sempre maggiore, da parte delle persone, di metodi di guarigione alternativi e naturali. Purtroppo, però, nonostante questo, i puristi della scienza continuano a non considerare l’agopuntura e le altre tecniche da essa derivate come trattamenti legittimi. Tuttavia, sembra che finalmente la scienza sia stata in grado, di recente, di verificare visivamente l’esistenza dei punti dell’agopuntura e dei meridiani. Questi ultimi sono dei vasi, all’interno del corpo, che conducono l’energia vitale, proprio come se fossero dei fili di un circuito elettrico. Utilizzando una nuova tecnica di cattura delle immagini e di tomografia computerizzata, infatti, i ricercatori hanno osservato dei punti concentrati dentro a strutture microvascolari, che corrispondono chiaramente ai punti su cui lavorano gli esperti di medicina energetica da quasi 2000 anni. Nello studio, pubblicato dal Journal of Electron Spectroscopy and Related Phenomena, i ricercatori hanno usato una tecnica di immagine di contrasto sia sui punti dell’agopuntura che altrove sul corpo. Questa scansione ha rivelato una chiara distinzione tra i punti comuni e le strutture anatomiche costituite dai punti di agopuntura. La tomografia computerizzata è una tecnica che ricorre ai raggi X per creare immagini in sezione trasversale. In questo studio, i ricercatori hanno usato una tecnica speciale, grazie alla quale si è osservata una densità maggiore di microvasi corrispondenti ai punti dell’agopuntura, oltre che una grande quantità di strutture microvascolari involute. Secondo la Medicina Cinese, l’energia vitale scorre all’interno del corpo in un complesso sistema di vasi noti come Meridiani. Nel farlo, questa seguirebbe il libero...
Il primo ospedale di medicina alternativa

Il primo ospedale di medicina alternativa

In Toscana è nato il primo ospedale di medicina alternativa. La Regione Toscana ha infatti stanziato nei mesi scorsi 100.000 euro per la realizzazione del primo ospedale di medicina integrata. A questo scopo è stato scelto l’Ospedale Petruccioli di Pitigliano, in provincia di Grosseto, dove è possibile curarsi con agopuntura,fitoterapia, omeopatia e medicina tradizionale cinese accanto alla medicina classica. In questo modo, come ha dichiarato Fabio Roggiolani, Presidente della Commissione Sanità del Consiglio regionale “finisce una guerra tra la medicina classica e le medicine complementari, che ha causato vittime solo tra i pazienti”. L’Ospedale sta quindi subendo una graduale trasformazione con l’inserimento di assistenti ospedalieri esperti nelle medicine complementari. I cittadini hanno la possibilità di scegliere, sia in corsia che nei servizi ambulatoriali, tra la medicina tradizionale e quella alternativa. Inoltre tutti potranno raccogliere le evidenze scientifiche di efficacia terapeutica delle medicine complementari e delle discipline bionaturali consultando i testi della biblioteca-Internet. Questa alleanza terapeutica è frutto di tre anni di impegno. Un patto virtuoso tra politica, strutture sanitarie e società civile, al quale Pitigliano ha risposto perfettamente. Con l’inizio dell’anno uno staff di medici qualificati ha formato una equipe complessa in grado di assicurare una straordinaria offerta di salute ed efficaci soluzioni a tante patologie. Non si toglie nessuna cura, semmai si aggiungono possibilità terapeutiche. Sin dall’inizio Roggiolani ha espresso la convinzione che la struttura sarebbe risultata attrattiva per pazienti di tutta Italia e che la nascita del nuovo ospedale di medicina integrata avrebbe portato anche una rete sul territorio, con l’utilizzo dei centri termali di Sorano e Saturnia e con l’avvio del primo Master di Medicina Integrata all’Università...